Vai al contenuto principaleVai al footer

I buoni principi per una strategia digitale che funziona

Come detto qualche settimana fa, siamo certi qui a Cantiere Creativo che la tecnologia da sola non basti praticamente mai. Senza idee chiare, un piano d’azione condiviso da tutti e una visione a lungo termine, nessuna tecnologia può portare vantaggi significativi sia alle persone sia al business.
Tempo di lettura: 2 minuti

Come si imposta una strategia digitale?

Esistono molti modi per costruire una strategia digitale efficace. Dopo anni passati come partner tecnologici di enti, aziende e organizzazioni nei più disparati settori, abbiamo impostato un nostro metodo che riteniamo funzioni perfettamente per gestire con successo un processo così delicato. Ne abbiamo parlato qualche settimana fa qui.
Lo abbiamo usato fruttuosamente per i nostri progetti interni, come DatoCMS o i nostri tool di pianificazione del lavoro, e si è dimostrato flessibile e agile a sufficienza da essere anche la base di ogni nostra soluzione, sia essa editoriale, grafica o tecnologica.
Il metodo che utilizziamo si basa su alcuni principi che riteniamo potrebbero essere utili per chiunque voglia provare a gestire o impostare una strategia digitale.

Mai innamorarsi di un’idea

Il primo errore di una strategia digitale è quello di partire da una soluzione senza aver neanche analizzato il problema. Abbiamo perso il conto delle volte che ci siamo trovati a demolire gli assunti di un progetto, costringendoci e costringendo il cliente ad accettare il fatto che il risultato finale sarà radicalmente diverso da quello che si aspettava.
Alcune volte i contesti sono tali che è necessario rivedere le basi prima di innovare, e altri in cui non innovare con forza significa scomparire dal mercato; finché non si validano le idee e si studiano i rischi nel dettaglio, però, non è così semplice capirlo.

Il caso Copisteria Universale

Come il Design Thinking ha cambiato gli orizzonti di un progetto.

Lavora con team eterogenei

Una soluzione tecnologica editoriale potrebbe aver bisogno del punto di vista di un marketer, mentre un design system della sensibilità unica di un commerciale. La morale è chiara: è sconsigliato lavorare a strategie digitali senza coinvolgere professionalità differenti e sguardi che possono osservare i problemi da angolazioni uniche.
Abbiamo notato nel tempo che gestire la parte strategica coinvolgendo un team cross-functional ha portato risultati migliori, più duraturi e in minor tempo.

Fotografa la realtà

Molto spesso una strategia digitale parte da assunti e desiderata senza però considerare il reale contesto in cui l’azienda o l’organizzazione opera realmente. Una strategia digitale efficace è pensata per risolvere i problemi di persone, siano esse dipendenti o clienti, portando al contempo valore all’azienda.
È importante per questo motivo raccogliere informazioni da chi usa i tuoi servizi o prodotti, con user research rigorose, interviste e raccolta di dati reali sull’uso. Questo lavoro va spesso replicato anche con lo staff: alcuni problemi nei vari uffici o settori interni, causati da strumenti o processi inefficienti, possono bloccare qualsivoglia progresso duraturo.
C’è un motivo per cui dallo user-centered siamo passati al concetto di soluzioni people-centered: un’esperienza digitale senza frizioni ed efficace per tutti porta maggiore efficienza, più soddisfazione per i dipendenti e migliori risultati economici nel medio termine! 
Grafico delle persone al centro di tutte le esperienze digitali.

Studia le tendenze reali del mercato

Le macro e micro-tendenze sono fondamentali per capire in che direzione si sta muovendo il mercato. La tecnologia muta a una velocità mai vista prima nella storia umana, e i suoi mutamenti portano con sé nuovi comportamenti e abitudini delle persone. Saper leggere queste tendenze in tempo e adattarsi a esse è fondamentale per creare una strategia digitale che funzioni.
Esistono tre aspetti da analizzare quando si parla di tendenze:
  • le esigenze dei clienti esistenti e i comportamenti d’uso emergenti;
  • i mezzi, il posizionamento e le tecnologie sfruttate dalla concorrenza diretta e non;
  • le possibilità, gli strumenti e le tecnologie innovative che modelleranno il futuro del settore nei prossimi cinque anni.
Non cogliere le tendenze e fermarsi solo all’aspetto superficiale della tecnologia non porta i vantaggi che ci si aspetta. 
Si pensi per esempio per la fissazione, durata fortunatamente poco, per i chatbot come panacea di tutti i mali per quanto concerne il customer care. Se da una parte i chatbot sono stati fondamentali per abbattere considerevolmente i costi e scremare tutti i ticket d’assistenza semplici, esiste un cliente che li apprezza di più rispetto a un contatto umano e li considera un vantaggio?

Analizza e interpreta i dati

I dati e le informazioni raccolte devono essere poi distillate in nozioni e concetti facili da utilizzare.
L’idea è quella di riformulare gli obiettivi e capire qual è il piano d’azione con minor rischi e più possibilità di avere successo. Questa è la fase in cui bisogna porsi delle domande e fornire delle risposte che siano funzionali agli obiettivi e al budget.
In Cantiere Creativo rispondiamo a questo bisogno con Design Studio completi, prendendoci tutto il tempo che serve per capire i dati e trasformarli in qualcosa con dei limiti di sviluppo ben chiari.

Il lavoro collaborativo col MITD

Come abbiamo lavorato in sinergia col team governativo del MITD attraverso una pianificazione attenta.

Prova la fattibilità reale della strategia

Le ipotesi possono essere estremamente affinate in varie fasi, ma una strategia digitale ha bisogno spesso di esperimenti sul campo, come Proof of Concept o integrazioni limitate nella portata, per capire se le nostre intuizioni si traducono felicemente in risultati reali.
Non è necessario testare tutto, ma concentrarsi sugli aspetti su cui abbiamo più dubbi e che rischiano di fare affondare la nostra strategia.

Produci un documento chiaro a tutti

Tutto il lavoro fatto deve essere distillato in materiale chiaro per tutti, anche per chi non ha partecipato alle fasi della sua creazione. Questo documento, o documenti nei casi più complessi, sarà la chiave di volta di tutte le attività digitali future e la bussola con cui navigare nel mondo dell’innovazione tecnologica.

Non ci sono scorciatoie

Come Cantiere Creativo abbiamo lavorato quasi dieci anni per raggiungere un punto in cui ci riteniamo capaci e competenti di creare, gestire e aggiornare strategie digitali multisettoriali. Il metodo che abbiamo messo a punto è costato considerevoli sforzi, ha richiesto tante iterazioni e manciate di fallimenti più o meno spettacolari. 
Quello che abbiamo imparato è che non esistono metodi per costruire strategie digitali che non passino da fasi molto chiare, flessibili ma ineluttabili, che richiedono il coinvolgimento di tante professionalità, una gestione maniacale delle tempistiche e una meticolosa documentazione.
Se non ritieni di poter fare questo lavoro con le tue risorse interne, meglio coinvolgere partner tecnologici che ti possano aiutare a costruire la tua strategia digitale su misura.
Hai trovato questo post interessante?Scopri chi siamo